No, l’hamburger non è junk food, basta infatti…

Delicious home made hamburger with lettuce and cheese, served on wooden desk

Non dobbiamo necessariamente fidarci delle nostre nonne. Persone splendide, per carità, ma che non sempre sono fonte di pareri scientificamente solidi.

Sono, ed è assolutamente ragionevole che lo siano, sempre un po’ troppo attaccate alla tradizione e reagiscono con forza contro ogni tipo di novità.

Certo, definire l’hamburger una novità, quando in realtà vengono consumati in lungo e largo nella Penisola da più di 30 anni, è qualcosa di estremamente poco accurato.

Ma gli strali lanciati 30 anni fa sono pressoché identici a quelli di oggi. E sono ancora tantissimi a puntare il dito sulla scarsa salubrità dell’hamburger.

Così vengono spiattellate sui giornali tabelle nutrizionali che prendono i peggiori della categoria, tabelle sulle quali vengono elaborati teoremi che poco corrispondono a verità.

In realtà l’hamburger può essere una pietanza sostanziosa ma salutare, gustosa ma non dannosa per l’organismo, a patto di sapere come sceglierlo.

Per chi se lo fa in casa

L’hamburger può essere preparato sicuramente a casa, senza troppe complicazioni, condendolo come meglio si preferisce.

In questo caso la scelta fondamentale è quella degli ingredienti. Dal pane ai condimenti, passando anche e soprattutto per la polpetta di carne, tutto deve essere di grande qualità.

E chi si sente particolarmente creativo e soprattutto con tanta voglia di fare in cucina, può anche partire dalla carne macinata (da tagli di qualità) per creare il proprio patty.

In casa nostra, quando siamo noi a cucinare l’hamburger, la responsabilità è soltanto nostra.

Ma come possiamo muoverci quando invece vogliamo gustare un buon hamburger da asporto, oppure ancora in un locale?

Scegli soltanto di affidarti ai migliori brand

Non siamo contro le hamburgerie indipendenti, ma dovrai essere certo di affidarti a ristoranti e pub che facciano della qualità il loro punto di forza. Sceglierne di questa risma non è sempre facile.

E dunque la migliore alternativa che hai a disposizione è di rivolgerti soltanto ai migliori brand del settore.

Brand che, anche quando stranieri, si sono adeguati molto rapidamente all’altissima qualità del cibo che viene servito in Italia.

Perché non c’è altra alternativa per affermarsi in un mercato di livello comunque eccellente.

Scegliendo di rivolgerti soltanto alle migliori catene potrai essere certo di andare ad ottenere:

  • tabelle caloriche e nutrizionali affidabili: perché puoi sicuramente fidarti di più di chi produce e commercializza scientificamente cibo, invece di affidarti a chi conduce una piccola bottega;
  • filiera supercontrollata: hai idea del numero di controlli che si hanno ogni giorno sulle filiere alimentari di carattere industriale? Non siamo neanche vicini a quanto avviene nelle piccole rivendite indipendenti;
  • sicurezza di qualità perché nessun brand andrebbe a mettere a repentaglio la propria reputazione e l’affidabilità del proprio marchio servendo alimenti di bassa qualità.

Quello che possiamo fare è dunque scegliere una delle catene di maggiore qualità che operano in Italia, consci di poter mettere sotto ai denti sempre e soltanto un hamburger di grande qualità.

No, non è junk food – e se è troppo calorico, compensa con lo sport

No, l’hamburger è molto lontano dall’essere junk food. Anzi, se preparato con cura e maestria è un prodotto di grande qualità, molto nutriente e anche con le calorie giuste.

E se dovessero essere troppe per il tuo piano alimentare, puoi sempre compensare con una corsetta.

Perché non c’è nulla di più soddisfacente che reintegrare grassi e carboidrati con un gustosissimo hamburger.