Che cosa non può esser brevettato

Oltre a idee non originali, che no si possono produrre, che sono contrarie alla legge e all’ordine pubblico e che non hanno sufficiente inventiva, ci sono una serie di categorie che non possono esser oggetto di brevetto. È bene conoscerle per poter sapere se è possibile rivolgersi all’ufficio governativo di registrazione Brevetti e marchi oppure no.

Le scoperte scientifiche come i teoremi matematici e scientifici non possono esser oggetto di brevetto. Infatti mancano alcune caratteristiche importanti come la industrialità, cioè la possibilità di produzione. Il prodotto che sfrutta eventuali nuove scoperte scientifiche, invece, può essere oggetto di brevetto.

Allo stesso modo anche piani e principi intellettuali non sono brevettabili, come i programmi di elaborazione. Mere informazioni senza uno scopo di produzione o commerciabilità non possono essere coperte da brevetto. Infatti, non tutte le idee possono diventare brevetto e godere di questa tutela poiché devono esserci delle caratteristiche ben precise, come accennato in precedenza. Teorie, piani, principi, scoperte, metodi, prassi etc. non diventano brevetto se sono solo informazioni.

Anche i procedimenti chirurgici e operativi in campo medici non possono essere brevettati. Si può casomai andare all’ufficio di registrazione Brevetti e march solo con un nuovo strumento operatorio per la medicina o la chirurgia che sfrutta nuovi procedimenti o che serve per un nuovo procedimento. Anche un nuovo sistema di diagnostica non può essere brevettato, a meno che non si tratti di uno strumento nuovo per fare le diagnosi.

Nemmeno le razze animali possono essere brevettate, nonostante ci possa essere un mercato per queste razze animali. Il motivo è dovuto al fatto che manca il requisito dell’attività inventiva, era già tutto presente in natura e perciò non si possono brevettare. Lo stesso vale con nuovi composti ed elementi chimici che non sono oggetto di brevetto. Non vale lo stesso però per i nuovi procedimenti microbiologici e a tutti i composti ottenuti con tali procedimenti, i quali possono essere oggetto di brevetto. Per potersi destreggiare in questa complessa materia, è sempre consigliabile sentire il parere di un esperto che predispone tutto il materiale per la presentazione all’ufficio brevetti.